Lorem ipsum dolor sit amet, adipisc ing elit, consectetur adipiscing elit. Duis ut ligula leo adipiscing elit.

PHONE:           0035 244 58 265

E-MAIL:           info@example.com

ADDRESS:      Rohr PL 989, NY

Instagram

Author: admin

Duathlon Magione 2022 Per questo weekend niente motori all’Autodromo di Magione. Alla domenica, oltre 100 atleti age-group ed al sabato una nutritissima compagine di giovani, hanno trasformato in una veste insolita il noto circuito automobilistico umbro. La gara è stata dominata da Alessandro De Gasperi, l'ironman dominatore della durissima tappa di Lanzarote, ha chiuso in un tempo di poco superiore ai 55 minuti l’intera prova. Nelle donne, la riconferma di Giulia Renzini, già vincitrice a Foligno della prova omonima. Nei VIS Cortona, la

Sabato 5 marzo 2022, trasferta nel deserto arabico per Barbara Briziarelli e Marco Fratini all'Ironman 70.3 a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Grande prova in acqua, come del resto era da aspettarsi, per Marco che chiude la frazione nuoto con uno splendido 27:33 sulla distanza dei 1900 metri. Anche Barbara non scherza e chiude la frazione in acqua con un ottimo 34:49. Ma è nella bici che entrambi realizzano un risultato top pedalando immersi nello scenario del deserto ad una

Ormai sono passati sei mesi da quella mattinata del 13 settembre nell'arena di Nizza. La nostra Barbara con un tempo stellare, merita il podio di quella che è forse una delle più prestigiose prove del circuito Ironman in Europa. La premiazione, i salti sul palco, le mani al cielo per mostrare il trofeo, una felicità strabordante dal tuo sorriso, Ma in quel momento di estrema felicità è mancata la "ciliegina della torta"; lo so, ci speravi, é stata una questione

L'ultimo weekend di ottobre 2021 sarà uno di quelli da ricordare per molto tempo. Iniziano i giochi al mattino presto del sabato con la truppa dei "portoghesi", il gruppo formato da Deyanira Larreca, Samuele Roselli, Michele Chiarini, Luca Ghelli, Andrea Albertoni e Giovanni Giovannetti. Tutti presenti alla tappa portoghese dell'Ironman di Cascais. Spettacolare il tempo di Samuele di pochissimo superiore alle 10 ore. L'atleta aretino che partecipava con l'opzione no-swim, si piazza secondo nella categoria M40-44, un risultato di incredibile

La faccia nell’acqua fredda ti spiega con le cattive che la gara è cominciata. Veramente. Cala il silenzio nel tuo cervello, basta musica, basta chiacchere con i compagni,  basta attesa che stava diventando una piacevole agonia. Ora sei rimasto solo dentro la muta, immerso in un mare non ancora azzurro perché il sole stavolta si sveglia dopo di te. Cerco di controllare la foga, si sa all’inizio tutti sono presi dalla voglia di scattare. Ne lascio andare qualcuno, è giusto così

Anzi ottima. Super soddisfazione dal nostro primo grande evento. E' stata soprattutto una grande sfida, vuoi per la data di calendario, per il meteo, per la coincidenza, causa rinvii post pandemia di numerose gare. Chi ha avuto fiducia in noi ci ha ripagato con tanti complimenti che ci danno la carica per organizzarci ancora al meglio per la prossima stagione. Ma nessuna parola può compensare il grande lavoro di chi ha creduto in questa manifestazione ed ha fornito a suo modo

La brezza del mattino presto sul Lago di Campotosto, il silenzio della valle dominata dal Gran Sasso guardiano maestoso, non lasciano presagire le ore successive di questa lunga, anzi lunghissima giornata dei nostri atleti. La pratica del nuoto viene archiviata con i tempi soliti delle gare top, nessuno pare risparmiarsi, anzi il miglior tempo della frazione swim è appannaggio di una delle tre atlete in gara. Maramotti Fabia se ne esce dall'acqua addirittura solo dopo un ora secca (1:00:35), un

Ben 21 ore di pioggia quasi ininterrotta hanno reso il campo di gara di Scanno un vero inferno. La prova del circuito XTerra è già considerata come la più tecnica e difficile dell'intero circuito europeo, ma la pioggia incessantemente caduta per tutta la prova MTB ha reso ancora più complicato il percorso che si è presto trasformato in un mare di fango. Numerosi sono stati i ritiri dovuti a cadute o a guasti alla bici. Ma al di la di tutto

Il nostro Simone Cavallini in arte "Kiko" è Ironman. Nel difficilissimo campo di gara di Lanzarote, l'atleta perugino, sabato 3 luglio, si è laureato Ironman. Una gara difficile già dalla frazione nuoto dove la "tonnara" iniziale ha riservato qualche colpo di troppo facendo temere addirittura per il ritiro. Ma Simone, è proprio il caso di dirlo, regge botta. Riesce a partire per la frazione bici, ma il vento è subito il protagonista principale della prova, gran parte del percorso